Menu
menu

[:en]

Monte Penna in Inverno: ciaspolata partendo dal Passo della Tabella nel febbraio del 2015.

Dopo un’abbondatissima nevicata contattai Enrico e ci demmo appuntamento al bivio di Alpe poco prima di Pontestrambo. Arrivai in ritardo. Lo trovai in un giaccone di renna bianco con già lo scotch tra gli scarponi e le braghe. Lasciammo la nostra Punto con gomme d’asciutto un poco oltre e salimmo sul mitico pandino verde 4×4 che segnava più di 250000 km. Agile con le gomme da neve e le ridotte arrivammo al Rifugio del Monte Penna. Qui lasciammo la macchina e entrammo a prenderci un bel caffè e un’ottima crostata. Non avevo trovato delle racchette da neve da accoppiare alle ciaspole. Chiedo a Claudio, il gestore del rifugio, che con i migliori auguri me le presta. Inizia così la passeggiata, la prima per me sulla neve con le ciaspole. Il paesaggio invernale è stupendo. Il vento non aveva ancora fatto cadere del tutto la neve posata sopra i rami più sottili. Sembrava una primavera in un ciliegeto. Il tragitto che abbiamo percorso è stato lungo circa 18 km. Incontrammo numerosi sciatori di fondo dal passo del chiodo fino alle casermette del monte penna. Era tardi quando arrivammo al passo dell’incisa. Mi si era rotta una ciaspola e non avevo più filo per rammendarla: usai un pezzo del laccio della mia scarpa per tener unito il tutto. Inutile dirsi che non era per nulla comodo così lo scarpone. Nonostante questo cominciammo la salita contenti sapendo che avremmo trovato qualcosa di magnifico in cima. Dopo una mezz’oretta conquistammo la vetta e lo spettacolo della neve ghiacciata ci lasciò senza parole. Avevamo poco tempo per stare sulla vetta in quanto eravamo a metà percorso ed erano circa le 4 e mezza 5. Scendemmo correndo seguendo la tecnica di rotolare anzichè affondare dentro la neve. Fu molto divertente (forse un po’ meno per le caviglie). Arrivammo giù e trovammo Claudio con la slitta e tutta la sua splendida muta di cani. In uno schiocco di lingua partì con tutti questi cani in festa. in un minuto era già sparito dalla nostra vista. Inizia il viaggio di ritorno. Becchiamo il tramonto sul monte di Portofino quando siamo ancora al passo del chiodo a circa 4 km dal Rifugio Monte Penna. C’è una luce molto strana un’ora dopo il crepuscolo quando si è in un bosco innevato. Con la torcia ci facciamo luce e sentiamo che quelli del rifugio stanno controllando se c’è ancora qualcuno sulla strada. Noi stavamo proseguendo a bosco seguendo dei sentieri tracciati timidamente da su delle cartine. Blu notte in cielo e un bianco sporco di blu sotto alle nostre ciapsole che ormai sono ridotte male. La stanchezza si comincia a sentire quando finalmente ci ricongiungiamo sulla strada principale. ancora mezzoretta e siamo arrivati al rifugio Monte Penna.

che splendida montagna!

 

monte penna neve
monte penna
ciaspole monte penna
monte penna inverno
monte penna rifugio
cappelletta monte penna
madonnina monte penna
neve monte penna
nevicata monte penna
vista monte penna
panorama monte penna
monte penna panorama
enrico federici
neve appennino ligure
cappelletta monte penna
santa maria del taro
alta via del monti liguri
escursioni monte penna
monte penna
parco monte penna
escursioni parco dell'aveto
escursioni appennino
Parco Naturale Regionale dell'Aveto
monte penna invernopennino

 [:it]

Monte Penna in Inverno: ciaspolata partendo dal Passo della Tabella nel febbraio del 2015.

Dopo un’abbondatissima nevicata contattai Enrico e ci demmo appuntamento al bivio di Alpe poco prima di Pontestrambo. L’Anna ed io arrivammo in ritardo. Lo trovammo in un giaccone di renna bianco con già lo scotch tra gli scarponi e le braghe. Lasciammo la nostra Punto con gomme d’asciutto un poco oltre e salimmo sul mitico pandino verde 4×4 che segnava più di 250000 km. Agile con le gomme da neve e le ridotte arrivammo al Rifugio del Monte Penna. Qui lasciammo la macchina e entrammo a prenderci un bel caffè e un’ottima crostata. Non avevo trovato delle racchette da neve da accoppiare alle ciaspole. Chiedo a Claudio, il gestore del rifugio, che con i migliori auguri me le presta. Inizia così la passeggiata, la prima per me sulla neve con le ciaspole. Il paesaggio invernale è stupendo. Il vento non aveva ancora fatto cadere del tutto la neve posata sopra i rami più sottili. Sembrava una primavera in un ciliegeto. Il tragitto che abbiamo percorso è stato lungo circa 18 km. Incontrammo numerosi sciatori di fondo dal passo del chiodo fino alle casermette del monte penna. Era tardi quando arrivammo al passo dell’incisa. Mi si era rotta una ciaspola e non avevo più filo per rammendarla: usai un pezzo del laccio della mia scarpa per tener unito il tutto. Inutile dirsi che non era per nulla comodo così lo scarpone. Nonostante questo cominciammo la salita contenti sapendo che avremmo trovato qualcosa di magnifico in cima. Dopo una mezz’oretta conquistammo la vetta e lo spettacolo della neve ghiacciata ci lasciò senza parole. Avevamo poco tempo per stare sulla vetta in quanto eravamo a metà percorso ed erano circa le 4 e mezza 5. Scendemmo correndo seguendo la tecnica di rotolare anzichè affondare dentro la neve. Fu molto divertente (forse un po’ meno per le caviglie). Arrivammo giù e trovammo Claudio con la slitta e tutta la sua splendida muta di cani. In uno schiocco di lingua partì con tutti questi cani in festa. in un minuto era già sparito dalla nostra vista. Inizia il viaggio di ritorno. Becchiamo il tramonto sul monte di Portofino quando siamo ancora al passo del chiodo a circa 4 km dal Rifugio Monte Penna. C’è una luce molto strana un’ora dopo il crepuscolo quando si è in un bosco innevato. Con la torcia ci facciamo luce e sentiamo che quelli del rifugio stanno controllando se c’è ancora qualcuno sulla strada. Noi stavamo proseguendo a bosco seguendo dei sentieri tracciati timidamente da su delle cartine. Blu notte in cielo e un bianco sporco di blu sotto alle nostre ciapsole che ormai sono ridotte male. La stanchezza si comincia a sentire quando finalmente ci ricongiungiamo sulla strada principale. ancora mezzoretta e siamo arrivati al rifugio Monte Penna.

che splendida montagna!

 

monte penna neve
monte penna
ciaspole monte penna
monte penna inverno
monte penna rifugio
cappelletta monte penna
madonnina monte penna
neve monte penna
nevicata monte penna
vista monte penna
panorama monte penna
monte penna panorama
enrico federici
neve appennino ligure
cappelletta monte penna
santa maria del taro
alta via del monti liguri
escursioni monte penna
monte penna
parco monte penna
escursioni parco dell'aveto
escursioni appennino
Parco Naturale Regionale dell'Aveto
monte penna invernopennino

 [:]

Leave a reply